Categoria:
Autori: Roberto Folchi
Data di pubblicazione: 15/12/2016

BROCHURE 100 PONTI

100 PONTI DEMOLITI CON GLI ESPLOSIVI IN DIECI ANNI

NITREX ha applicato con successo tecnologia e ingegneria degli esplosivi all’avanguardia per demolire 100 ponti negli ultimi 10 anni. Nel realizzare questa impresa, abbiamo affrontato vincoli significativi e sfide uniche.

Su alcuni progetti, fino a 5 strade adiacenti hanno trasportato traffico in tempo reale. Su altri, abitazioni e edifici industriali erano situati nelle vicinanze e persino sotto il ponte di destinazione. Questi casi richiedevano un design preciso per lasciare le strade e le strutture vicine intatte e funzionanti dopo l’esplosione per demolire il ponte.

Alcuni di questi progetti di demolizione di ponti hanno presentato sfide mai affrontate in precedenza. In un caso, nuovi piloni alti 57 metri erano già stati costruiti all’interno dell’impronta delle campate di 650 tonnellate, alte 70 metri, che dovevano essere demolite. In un altro progetto, la nuova sovrastruttura è stata costruita una manciata di centimetri sopra la vecchia da demolire. Questo approccio è stato adottato in modo che il vecchio ponte potesse essere usato come una piattaforma di costruzione mentre le gru da 200 tonnellate hanno assemblato le travi del nuovo ponte. Questo metodo di costruzione unico è stato reso possibile grazie a una demolizione adeguatamente controllata, riducendo i costi di costruzione e il tempo di un ordine di grandezza.

Molti dei progetti sono stati resi più complessi da vincoli ambientali significativi, incluse le posizioni:

  • nei parchi nazionali,
  • immediatamente sotto le linee elettriche ad alta tensione,
  • sopra oleodotti, gasdotti e condotte idriche sepolti solo pochi metri al di sotto della zona d’impatto,
  • coinvolgendo pendenze in modalità frana attiva,
  • con caratteristiche fluviali sensibili come fiumi, canali d’acqua, sorgenti d’acqua all’interno della zona di lavoro e
  • laddove i muri di contenimento esistenti, le strutture fognarie e altre strutture permanenti dovevano essere conservate.

Ciascuno dei 100 ponti aveva caratteristiche diverse, distinte per forma, struttura e condizioni, quindi era necessario produrre un design esplosivo mirato per ciascuno per garantire il successo. La cronologia della demolizione dell’esplosione variava da 1 a un massimo di sole 8 settimane. I tempi di lavoro più lunghi si applicavano solo a quei progetti che richiedevano parecchie migliaia di fori di scoppio, tagli preliminari estesi e rottura del calcestruzzo. Questa efficienza negli orari dei progetti porta a significativi risparmi sui costi complessivi, a una drastica diminuzione degli impatti ambientali e ad abbassare drasticamente l’esposizione uomo-ora al potenziale di incidenti sul luogo di lavoro, in particolare rispetto alle tecniche standard di demolizione meccanica che richiedono tempi di lavoro molto più lunghi .

I risultati positivi di questi 100 progetti forniscono prove evidenti del fatto che la demolizione di ponti con esplosivi è molto più sicura, più rapida e meno costosa rispetto alla tecnica alternativa di “decostruzione” meccanica, ribaltando un preconcetto stabilito.

ULTIMI PROGETTI

DEMOLIZIONE CON ESPLOSIVI POLLIFICIO

IMPLOSIONE DI UNA STRUTTURA INDUSTRIALE MULTIPIANO A MERCATO SARACENO (FC)

Leggi

DEMOLIZIONE CONTROLLATA DELLA TORRE PIEZOMETRICA

DEMOLIZIONE CONTROLLATA DELLA TORRE PIEZOMETRICA ALTA 85 METRI, A 5 M DAL FABBRICATO PIÙ VICINO

Leggi

DEMOLIZIONE CON ESPLOSIVI PONTI A3

Adeguamento Autostrada Salerno-Reggio Calabria

Leggi